logo

Blog

IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO E L’ ATTUALE SISTEMA ECONOMICO MONDIALE

24 Settembre 2018

Il governo del cambiamento presuppone una politica che possa produrre cambiamento e quindi ben superiore a quella della gestione degli affari correnti o degli interventi doverosi (l’ho vuole l’Europa). Bisogna vedere quindi i tanti atti del governo che vengono espletati, se come in passato ce ne sono parecchi di “neutri” (più che di destra o sinistra) significa che cmq i tecnicismi dei vincoli la vincono e che il cambiamento non esiste, c’è solo una economia che può funzionare o rimanere stagnante. Se funziona e aumenta l’occupazione il periodo è buono e solo una minoranza ideologica continua a lamentarsi per autocostrizione, se invece l’economia non cresce e ci sono da pagare i debiti contratti con l’Europa, tutti si lamentano e se la prendono con il governo e quindi con la politica che dovrebbe fare i miracoli, ma se è tecnicistica quasi sempre bada a degli interessi più nascosti, magari alle banche – come è avvenuto in passato e quindi dà più soldi alle imprese e meno alle famiglie anche perché qualcosa di tangibile ritornava alla classe politica in termini di finanziamenti. L’attuale governo almeno nella sua componente a 5 stelle punta assolutamente al cambiamento come tesi di fondo, però esiste l’antitesi dei tecnicismi – “lo vuole l’Europa” – e quindi una sintesi di mediazione dove si raggiungono alcuni importanti risultati per il popolo, ma si rischia di scontentare la classe media attaccando certi privilegi come quelli pensionistici, comunque sono curioso di sapere fino a che punto un sistema che possiamo definire capitalistico accetti un cambiamento che parta dalla politica, di solito (anche se non succede spesso) dovrebbe partire dall’economia.

Gian Sart

Una replica a “IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO E L’ ATTUALE SISTEMA ECONOMICO MONDIALE”

  1. Veronica Perugini ha detto:

    Bisogna dire che la Pubblica Amministrazione non è molto reattiva, basterebbe combattere l’evasione fiscale e se ne potrebbero fare dieci di redditi di cittadinanza, guardiamo ad esempio gli sprechi, i contratti passivi della pubblica amministrazione, la Ragioneria di Stato dovrebbe dirlo in 20 secondi quanti soldi spende lo Stato Italiano per gli immobili che prende in affitto dai privati…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Indietro