logo

Blog

RAI FICTION

15 Luglio 2015

RAI FICTION – Valutazione di Giancarlo Sartoretto in qualità di piccolo produttore indipendente
L’intervento della resp. Rai Fiction Eleonora Andreatta sugli indirizzi di scelta delle fiction, è visibile sul gruppo facebook Perfiction.
La Rai guarda alla contemporaneità e al recente passato, naturalmente privilegia le storie che hanno avuto successo come BRACCIALETTI ROSSI (un format tra l’altro non italiano) e non quelle che invece sono state un disastro).
Parla di CONSAPEVOLEZZA ETICA nella scelta dei progetti, di trasparenza (ti danno una risposta entro 90 giorni) e attualmente sono 28 società di produzione che lavorano (ce ne sono di piccole e artigianali) ma solo le grandi società sono competitive a livello europeo.
1) NON SI DELOCALIZZA PIU’ e questo è un merito per la Rai;
2) si vuole rappresentare la realtà del paese, le diversità del suo territorio, il paesaggio, l’identità, un mosaico in divenire, un affresco (queste sono le parole usate) e in questi squarci e tessere, DESCRIVE LE FICTION SCELTE, ma non come vengono scelte, mai che si parli di criteri di selezione;
3) la famiglia, LA SI RAPPRESENTA CON GEOMETRIE NUOVE, apertura quindi verso la famiglia moderna;
4) Poi l’Andreatta parla dei vari tipi di canali con le loro caratteristiche:
RAI 1, l’innovazione procede più lentamente
RAI 2, hanno venduto all’estero COLIANDRO, START UP COPPIA INATTESA
RAI 3, LA NUOVA SQUADRA, ILARIA ALPI, UN POSTO AL SOLE (2 milioni di spettatori o grande mangificio) NON UCCIDERE;
5) Parla dei vari tipi di investimenti come nei cartoni animati, scuole, premio Solinas per le migliori sceneggiature e dei corsi di scrittura seriale a Perugia;
6) Parla anche di rete Web e attenzione al linguaggio dei giovani, diverso da quello della Tv generalista;

Poi AIROLA del M5S chiede: “oltre alle 7-8 società di produzione, QUALI ALTRE SONO STATE COINVOLTE, bisogna avere il dettaglio dei progetti arrivati, quante fiction sono state date a nuove società? Ad es. parlando di contenuti: è’ garantito il pluralismo religioso?”
La Andreatta che è stata messa lì dalla politica e dai partiti politici risponde in maniera evasiva, NON PARLA DI ROTAZIONE come fa una persona competente, non ha neanche idea di come funzioni veramente la PRODUZIONE DI FICTION e afferma, insiste, sulla produzione industriale per essere competitivi sul mercato internazionale, ci vuole una lavorazione industriale che solo i 22-28 produttori attuali possono garantire, soprattutto per quanto riguarda la LUNGA SERIALITA’ che richiede produz. industriale, preparazione tecnica, alta capacità e via cantando. QUINDI SE LORO PRENDONO GLI STESSI E’ PERCHE’ SONO I MIGLIORI NEL MERCATO.
AIROLA ha chiesto almeno UN FOGLIO DEI PROGETTI, dei dati più precisi di quanti progetti vengono presentati e di quanti vengono esclusi.
L’Andreatta risponde che rientra nel Piano di Produzione, che è segreto, per motivi di concorrenza, per i dati sensibili E COSI I DATI CONTINUANO A NON ESSERE DATI
Giancarlo Sartoretto
Sviluppo Progetti

 

Una replica a “RAI FICTION”

  1. Veronica Perugini ha detto:

    E’ difficile riuscire a cambiare qualcosa in italia, ma ci proviamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Indietro